Ethical Hacker: chi è, stipendio, certificazioni, libri, guida

Foto dell'autore

Andrea Barbieri

 

Home > News feed > Figure professionali > Ethical Hacker: chi è, stipendio, certificazioni, libri, guida

Il lavoro dell’Ethical Hacker

Cosa fa: ruolo e attività chiave

L’Ethical Hacker, noto anche come white hat hacker, svolge un ruolo chiave nella salvaguardia della sicurezza informatica. Questo professionista si prefigge di individuare e risolvere le vulnerabilità all’interno di un sistema informatico prima che gli hacker malevoli possano sfruttarle.

Penetration Testing

Uno degli aspetti centrali del suo lavoro è il Penetration Testing (o Pen Test). Questo comporta l’esecuzione di attacchi simulati su un sistema per identificare punti deboli che potrebbero essere sfruttati da hacker malevoli. Per esempio, IBM impiega Ethical Hackers per condurre Pen Tests sulla propria infrastruttura.

Vulnerability Assessment

Un altro compito importante è l’Vulnerability Assessment. L’Ethical Hacker analizza il sistema per identificare potenziali vulnerabilità che possono essere risolte per rafforzare la sicurezza del sistema. Questo processo può includere l’uso di tecniche come il Static Code Analysis e il Dynamic Analysis.

Ethical Hacker: competenze tecniche verticali

Un Ethical Hacker deve possedere un’ampia gamma di competenze tecniche per svolgere efficacemente il suo ruolo.

Conoscenza dei Sistemi Operativi

Un Ethical Hacker deve avere una profonda conoscenza dei vari Sistemi Operativi (come Windows, Linux e macOS), compresi i loro punti deboli e come potrebbero essere sfruttati da un hacker malevolo.

Programmazione

Una solida conoscenza della Programmazione è fondamentale. Conoscere linguaggi come Python, JavaScript, C o Java è un grande vantaggio, perché permette all’Ethical Hacker di capire meglio come gli hacker possono infiltrarsi in un sistema.

Sicurezza delle Reti

Un’altra competenza chiave è la Sicurezza delle Reti. È essenziale avere una solida comprensione dei principi di Firewall, IDS/IPS, VPN e DMZ.

Quali strumenti utilizza un Ethical Hacker

Un Ethical Hacker utilizza una varietà di strumenti specializzati per aiutare nel suo lavoro.

Metasploit

Il Metasploit è uno dei più popolari toolkit per il Pen Testing, usato per scoprire vulnerabilità nei sistemi.

Nessus

Nessus è un popolare strumento di Vulnerability Scanning utilizzato per identificare le falle nei sistemi.

Wireshark

Wireshark è un analizzatore di protocollo di rete che può essere utilizzato per ispezionare il traffico della rete in dettaglio e trovare anomalie.

Burp Suite

Burp Suite è uno strumento usato per testare la sicurezza delle applicazioni web.

Specializzazioni e differenze

Il campo dell’Ethical Hacking offre una serie di specializzazioni e ruoli che differiscono per specificità e focus.

Penetration Tester

Un Penetration Tester o Pen Tester si specializza nell’eseguire attacchi simulati su sistemi per identificare e correggere le vulnerabilità. Per esempio, un Pen Tester potrebbe cercare di infiltrarsi in un database aziendale per verificare se esistono lacune nella sicurezza.

Security Auditor

Un Security Auditor esamina i sistemi e le procedure esistenti per assicurarsi che siano conformi agli standard di sicurezza richiesti. Questo potrebbe includere l’analisi dei log di sistema, l’ispezione dei protocolli di rete o l’esame delle politiche di sicurezza all’interno di un’organizzazione come Microsoft.

Security Analyst

Il Security Analyst monitora continuamente i sistemi per rilevare qualsiasi segno di attività sospetta o anomala. Per esempio, potrebbero monitorare il traffico di rete per cercare di individuare tentativi di Phishing o DDoS.

Ethical Hacker nel quotidiano: cosa fa in un giorno

Un giorno tipico per un Ethical Hacker è vario e sfidante, richiedendo una combinazione di abilità tecniche e analitiche.

Inizia spesso con un aggiornamento sullo stato della sicurezza del sistema, che potrebbe includere un’analisi dei log di sistema o dei rapporti di sicurezza. Potrebbe anche collaborare con il team di sviluppo per capire eventuali cambiamenti recenti nel sistema che potrebbero avere implicazioni per la sicurezza.

Durante la giornata, l’Ethical Hacker potrebbe svolgere una serie di Pen Tests per verificare l’efficacia delle misure di sicurezza esistenti. Questo potrebbe includere tentativi di bypassare i firewall o di infiltrarsi nelle VPN per vedere se riescono a resistere a un attacco.

Infine, può dedicarsi alla stesura di rapporti dettagliati sui risultati dei test, comprese le raccomandazioni su come migliorare la sicurezza. Questi rapporti sono di vitale importanza per aiutare l’organizzazione a comprendere il suo livello di rischio e a prendere decisioni informate su come affrontarlo.

Stipendio e carriera dell’Ethical Hacker

Stipendio in Italia

In media, un Ethical Hacker entry-level può aspettarsi uno stipendio annuo di circa 30.000-40.000 euro. Con l’esperienza, la cifra può salire significativamente. Ad esempio, un professionista esperto nel campo può guadagnare oltre 70.000 euro all’anno. In Italia, lo stipendio di un Ethical Hacker può variare notevolmente a seconda dell’esperienza, delle competenze e del luogo di lavoro.

Progressione di carriera e promozioni

La progressione di carriera nel campo dell’Ethical Hacking può seguire vari percorsi, spesso basati sulla specializzazione e sull’esperienza:

  • Entry-level Ethical Hacker: Questi professionisti sono all’inizio della loro carriera e stanno ancora acquisendo esperienza pratica nel campo.
  • Senior Ethical Hacker: Questi professionisti hanno una vasta esperienza e competenza, e sono spesso responsabili della supervisione dei progetti di sicurezza più complessi.
  • Lead Ethical Hacker: Questi esperti di alto livello sono responsabili della gestione dei team di sicurezza informatica e della strategia di sicurezza a livello aziendale.

Come diventare Ethical Hacker

Diventare un Ethical Hacker può essere una sfida, ma è un percorso di carriera estremamente gratificante per coloro che sono appassionati di sicurezza informatica. Ecco alcuni passaggi chiave:

  1. Formazione: Un diploma in un campo correlato alla sicurezza informatica, come l’informatica o l’ingegneria informatica, è spesso il primo passo.
  2. Competenze tecniche: È fondamentale acquisire una solida conoscenza di sistemi operativi, reti, e linguaggi di programmazione.
  3. Certificazioni: Certificazioni come la Certified Ethical Hacker (CEH) o la Offensive Security Certified Professional (OSCP) possono aiutare a dimostrare le competenze acquisite.
  4. Esperienza pratica: L’esperienza sul campo è fondamentale. Questo può includere stage, lavori entry-level o anche competizioni di hacking etico.

Ricorda, diventare un Ethical Hacker richiede passione, dedizione e un impegno continuo per l’apprendimento e l’aggiornamento delle proprie competenze.

Superare i colloqui e consigli utili

Certificazioni per Ethical Hacker

Per un Ethical Hacker, esistono numerose certificazioni riconosciute a livello internazionale che possono aiutare a dimostrare le proprie competenze e ad avanzare nella carriera. Alcune delle principali certificazioni sono:

  • Certified Ethical Hacker (CEH): Questa è una delle certificazioni più popolari e riconosciute nel campo dell’hacking etico. Fornisce una solida base in termini di penetration testing, phishing, malware e altre aree chiave della sicurezza informatica.
  • Offensive Security Certified Professional (OSCP): Questa certificazione è molto rispettata e richiede una dimostrazione pratica delle competenze di hacking durante un esame di 24 ore.
  • GIAC Penetration Tester (GPEN): Questa certificazione, offerta dal Global Information Assurance Certification (GIAC), copre una serie di competenze tecniche, tra cui penetration testing e metodologie di attacco.

Tra le certificazioni complementari, possiamo citare:

  • Certified Information Systems Security Professional (CISSP): Pur non essendo specificamente rivolta agli Ethical Hackers, questa certificazione offre una vasta panoramica della sicurezza delle informazioni, rendendola utile per qualsiasi professionista del settore.
  • CompTIA Security+: Questa è una certificazione di base che fornisce una solida fondamenta di conoscenze in sicurezza informatica.

Libri interessanti sul lavoro dell’Ethical Hacker

Ci sono molti libri che possono fornire una preziosa prospettiva e conoscenza sul ruolo dell’Ethical Hacker. Ecco otto opzioni da considerare:

  1. Hacking: The Art of Exploitation” di Jon Erickson
  2. Metasploit: The Penetration Tester’s Guide” di David Kennedy, Jim O’Gorman, Devon Kearns e Mati Aharoni
  3. The Web Application Hacker’s Handbook: Finding and Exploiting Security Flaws” di Dafydd Stuttard e Marcus Pinto
  4. Hacking Exposed 7: Network Security Secrets and Solutions” di Stuart McClure, Joel Scambray e George Kurtz
  5. Ghost in the Wires: My Adventures as the World’s Most Wanted Hacker” di Kevin Mitnick
  6. Black Hat Python: Python Programming for Hackers and Pentesters” di Justin Seitz
  7. The Basics of Hacking and Penetration Testing” di Patrick Engebretson
  8. Practical Malware Analysis: The Hands-On Guide to Dissecting Malicious Software” di Michael Sikorski e Andrew Honig

Domande comuni ai colloqui per Ethical Hacker

Durante un colloquio per un ruolo di Ethical Hacker, si possono aspettare domande tecniche come:

  1. “Quali sono le fasi di un penetration test tipico?”
  2. “Cosa intendi per cross-site scripting e SQL injection?”
  3. “Qual è la tua esperienza con i tool di penetration testing come Metasploit o Wireshark?”
  4. “Come eseguiresti un test di intrusion su una rete wireless?”
  5. “Qual è la tua esperienza con i linguaggi di scripting come Python o Bash?”
  6. “Quali passaggi dovresti seguire dopo aver scoperto una vulnerabilità?”
  7. “Come ti tieni aggiornato sulle ultime minacce alla sicurezza e vulnerabilità?”
  8. “Quali misure prendi per garantire la legalità e l’etica durante i tuoi test di penetrazione?”

Lascia un commento