Consulenti HR: chi sono, cosa fanno, quanto costano

Foto dell'autore

Andrea Barbieri

 

Home > News feed > Lavorare nel settore > Consulenti HR: chi sono, cosa fanno, quanto costano

In questa pagina esaminiamo la figura del Consulente HR dal punto di vista della professione e delle aziende che intendono assumerne uno.

Chi sono i Consulenti HR: tre definizioni

Per comprendere appieno il ruolo dei consulenti HR, è importante definire alcuni concetti chiave:

Definizione di HR

Le risorse umane, o HR (Human Resources), rappresentano l’insieme delle persone che lavorano in un’organizzazione. L’area delle risorse umane si occupa della gestione strategica e operativa del personale all’interno dell’organizzazione, compresi reclutamento, selezione, sviluppo, compensazione e benessere dei dipendenti.

Definizione di Consulente

Un consulente è un professionista esperto che fornisce consigli, suggerimenti e assistenza in un settore specifico. Nell’ambito delle risorse umane, un consulente HR offre consulenza e supporto alle organizzazioni per migliorare le loro pratiche di gestione del personale.

Definizione di Consulente HR

Un consulente HR, o consulente delle risorse umane, è un professionista specializzato nel fornire consulenza, supporto e soluzioni alle organizzazioni in merito alle questioni legate alle risorse umane. Questi consulenti collaborano con le aziende per sviluppare e implementare strategie di gestione del personale efficaci, migliorare le prestazioni organizzative e affrontare sfide specifiche del settore delle risorse umane.

Cosa fanno i consulenti HR

Le attività di un consulente HR sono molteplici e variegate a seconda della realtà aziendale. I consulenti HR offrono competenze specialistiche e consulenza professionale per aiutare le organizzazioni a sviluppare e implementare strategie efficaci nel campo delle risorse umane. Di seguito vediamo un elenco di sintesi:

  • Analisi delle esigenze organizzative e sviluppo di soluzioni personalizzate
  • Revisione e miglioramento delle politiche e delle pratiche delle risorse umane
  • Supporto nella pianificazione e nell’implementazione di processi di reclutamento e selezione
  • Progettazione e gestione di programmi di formazione e sviluppo del personale
  • Consulenza su questioni di retribuzione e benefit
  • Risoluzione di conflitti e gestione delle relazioni sindacali
  • Supporto nella gestione del cambiamento organizzativo
  • Monitoraggio delle normative e degli adempimenti relativi alle risorse umane

Il ruolo di un consulente HR può variare in base alle esigenze specifiche dell’organizzazione e del settore in cui opera.

Giornata tipo di un Consulente HR

Un esempio di come potrebbe essere una giornata tipo per un consulente HR. L’elenco è stato “forzato” per includere una grande varietà di attività. Di solito ci si muove per progetti o flussi di lavoro meglio definiti.

  1. Incontro con il team di gestione per discutere delle sfide HR attuali e pianificare le azioni da intraprendere.
  2. Revisione e aggiornamento delle politiche HR dell’organizzazione per garantire la conformità legale e l’allineamento agli obiettivi aziendali.
  3. Valutazione delle richieste di reclutamento e selezione, revisione dei curriculum vitae e conduzione di interviste ai candidati.
  4. Sviluppo di un programma di formazione su misura per i dipendenti per migliorare le competenze e le prestazioni.
  5. Partecipazione a una riunione con i sindacati per negoziare un nuovo contratto collettivo e risolvere eventuali dispute.
  6. Supporto nella gestione dei conflitti tra i dipendenti e risoluzione delle problematiche relative alle relazioni di lavoro.
  7. Revisione e aggiornamento dei processi di valutazione delle prestazioni per garantire un’efficace gestione delle prestazioni dei dipendenti.
  8. Partecipazione a un webinar di aggiornamento sulle nuove normative in materia di lavoro e sicurezza sul lavoro.

Quanto costa l’attività di Consulenza HR

L’attività di Consulenza Human Resource può variare notevolmente in base a diversi fattori, tra cui la dimensione e la complessità dell’organizzazione, il tipo di servizi richiesti e l’esperienza e la reputazione del consulente HR. In Italia, i costi dell’attività di consulenza HR dipendono anche dal mercato e dalla concorrenza locale. Di seguito sono presentate alcune tipologie di offerta e i costi medi associati:

Consulenza strategica risorse umane

  • Analisi delle esigenze HR e pianificazione strategica: in questa fase, il consulente HR collabora con l’organizzazione per identificare le sfide HR, stabilire obiettivi strategici e sviluppare un piano d’azione. I costi possono variare in base alla dimensione e alla complessità dell’organizzazione, ma mediamente si aggirano tra i 2.000€ e i 5.000€.
  • Ristrutturazione e organizzazione HR: se un’organizzazione ha bisogno di ristrutturare o ottimizzare la sua funzione HR, il consulente HR può supportare nel processo di ridisegno dei ruoli e delle responsabilità, nell’implementazione di nuovi processi e nella gestione del cambiamento. I costi per un progetto di ristrutturazione HR possono variare da 5.000€ a 10.000€ o più, a seconda della complessità dell’organizzazione.

Gestione delle risorse umane operative

  • Assistenza al reclutamento e selezione: il consulente HR può supportare nell’identificazione, nell’attrazione e nella selezione dei candidati per posizioni aperte all’interno dell’organizzazione. I costi per il reclutamento e la selezione possono variare in base al livello della posizione e alle attività richieste, ma mediamente si situano tra i 1.500€ e i 4.000€.
  • Sviluppo delle competenze e formazione: il consulente HR può progettare e fornire programmi di formazione e sviluppo personalizzati per i dipendenti. I costi per i programmi di formazione dipendono dalla durata, dalla complessità e dalla modalità di consegna del corso, e possono variare dai 500€ ai 3.000€ o più.

Dove lavora un Consulente delle risorse umane

Un Consulente delle risorse umane può trovare opportunità di lavoro in diversi settori e contesti, sia come parte integrante di un’organizzazione sia come consulente esterno. Di seguito sono forniti alcuni esempi di dove un consulente HR può operare:

Aziende e organizzazioni

Le aziende di diverse dimensioni e settori possono assumere consulenti HR per gestire le attività legate alle risorse umane. Questi consulenti possono lavorare come dipendenti interni, facendo parte del dipartimento HR dell’azienda. Possono occuparsi di una vasta gamma di compiti, tra cui reclutamento e selezione, formazione e sviluppo, gestione delle prestazioni, politiche del personale e relazioni industriali. I consulenti HR interni lavorano a stretto contatto con i dipendenti e i responsabili dell’organizzazione, offrendo supporto e consulenza per migliorare la gestione delle risorse umane.

Agenzie di consulenza HR

Le agenzie di consulenza HR offrono servizi di consulenza specializzati alle aziende. I consulenti HR di queste agenzie lavorano con un’ampia gamma di clienti, fornendo supporto e consulenza su varie questioni legate alle risorse umane. Possono essere coinvolti in attività come reclutamento e selezione, pianificazione del personale, gestione del cambiamento, valutazione delle competenze, sviluppo del personale e gestione delle prestazioni. I consulenti HR delle agenzie di consulenza lavorano spesso in progetti specifici per diversi clienti e possono avere l’opportunità di acquisire una vasta esperienza lavorando con organizzazioni di diversi settori.

Servizi di consulenza indipendenti

Alcuni consulenti HR scelgono di lavorare in modo indipendente, offrendo servizi di consulenza HR alle aziende come liberi professionisti. Questi consulenti possono essere chiamati per fornire consulenza su questioni specifiche, come la revisione delle politiche del personale, la progettazione di programmi di formazione o l’implementazione di sistemi di gestione delle prestazioni. Lavorando in modo indipendente, i consulenti HR possono avere la flessibilità di scegliere i progetti su cui lavorare e di adattare i propri servizi alle esigenze specifiche dei clienti. Si noti che la presenza di consulenti HR all’interno di un’organizzazione o il loro utilizzo come servizi esterni può variare a seconda delle dimensioni e delle risorse delle aziende. Alcune aziende più piccole potrebbero fare affidamento su consulenti HR esterni per avere accesso a competenze e risorse specializzate, mentre aziende più grandi potrebbero avere dipartimenti HR interni con una squadra di consulenti HR dedicati.

Come diventare un Consulente HR

Per diventare un Consulente HR, è importante acquisire una combinazione di conoscenze teoriche e competenze pratiche nel campo delle risorse umane. Di seguito sono riportati alcuni passi da seguire per avviare una carriera come consulente HR:

Formazione

Una buona base di conoscenze nel campo delle risorse umane può essere ottenuta attraverso corsi di laurea in discipline come Scienze della Comunicazione, Psicologia, Economia Aziendale o Giurisprudenza. Queste lauree forniscono una comprensione approfondita dei principi delle risorse umane, delle relazioni industriali e delle leggi del lavoro. È anche possibile completare un master in Gestione delle Risorse Umane o un programma di specializzazione nel campo delle risorse umane per approfondire le conoscenze e acquisire competenze specifiche.

Esperienze lavorative

È importante acquisire esperienza pratica nel campo delle risorse umane per sviluppare competenze e conoscenze applicate. Ciò può essere ottenuto attraverso tirocini, stage o lavori part-time in ruoli di supporto nelle funzioni HR. Queste opportunità permettono di familiarizzare con le attività quotidiane del dipartimento HR, come la gestione delle assunzioni, la gestione delle prestazioni e la formazione dei dipendenti.

Competenze soft

Oltre alla formazione accademica, è importante sviluppare una serie di competenze chiave per avere successo come consulente HR. Ecco le più importanti:

  • Comunicazione efficace: capacità di comunicare in modo chiaro e conciso con diverse persone e di gestire situazioni complesse.
  • Capacità di problem solving: abilità nel risolvere problemi, analizzare situazioni e prendere decisioni informate.
  • Orientamento al cliente: capacità di comprendere le esigenze dei clienti e fornire soluzioni e servizi adeguati.
  • Pensiero critico: abilità nel valutare in modo critico le informazioni e prendere decisioni basate su evidenze.
  • Gestione del tempo e delle priorità: capacità di organizzare il lavoro in modo efficiente e di gestire diverse attività contemporaneamente.

Certificazioni per Consulente Risorse Umane in Italia

Se sei un professionista nel campo delle risorse umane o aspiri a diventarlo, è essenziale considerare alcune delle certificazioni più prestigiose disponibili in Italia. Queste certificazioni non solo ti aiuteranno a migliorare le tue competenze, ma ti forniranno anche un vantaggio competitivo nel mercato del lavoro.

AIPD – Associazione Italiana per la Direzione del Personale

  • Link: Sito ufficiale AIPD
  • Descrizione: L’AIPD offre corsi e programmi di formazione specifici per i professionisti delle risorse umane. Essere certificati dall’AIPD è un segno di eccellenza nel settore.

CIPD – Chartered Institute of Personnel and Development

  • Link: Sito ufficiale CIPD
  • Descrizione: Anche se è un’organizzazione con sede nel Regno Unito, il CIPD è riconosciuto a livello internazionale e offre certificazioni che sono ben viste anche in Italia.

SHRM – Society for Human Resource Management

  • Link: Sito ufficiale SHRM
  • Descrizione: Come il CIPD, anche SHRM è una certificazione internazionale, ma è molto rispettata e riconosciuta anche in Italia.

ISFOL – Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori

  • Link: Sito ufficiale ISFOL
  • Descrizione: L’ISFOL offre una varietà di corsi e certificazioni per professionisti nel campo delle risorse umane, concentrandosi in particolare sulle politiche del lavoro e sulla formazione professionale.

Differenza tra Consulente HR e Consulente di carriera

I ruoli di consulente HR e consulente di carriera sono entrambi legati alla gestione delle risorse umane, ma si focalizzano su aspetti diversi della gestione del personale. Di seguito sono illustrate le differenze principali tra i due ruoli:

Consulente HR

Un consulente HR si occupa di questioni relative alla gestione delle risorse umane all’interno di un’organizzazione. Questo ruolo coinvolge la progettazione e l’implementazione di politiche e procedure HR, la gestione del reclutamento e della selezione del personale, lo sviluppo delle competenze dei dipendenti, la gestione delle relazioni sindacali, la consulenza e il supporto ai dipendenti e alla dirigenza dell’organizzazione, e altro ancora. L’obiettivo principale di un consulente HR è garantire che le pratiche HR dell’organizzazione siano allineate agli obiettivi aziendali, alle leggi del lavoro e alle normative vigenti.

Consulente di carriera

Un consulente di carriera si concentra sull’individuo e sullo sviluppo della sua carriera. Questo ruolo coinvolge l’assistenza ai singoli individui nel comprendere e sviluppare le proprie capacità, nel prendere decisioni sulla carriera, nel definire obiettivi professionali, nel pianificare il percorso di carriera e nel superare eventuali ostacoli. Un consulente di carriera fornisce supporto nel processo di ricerca del lavoro, nella stesura del curriculum vitae, nella preparazione per i colloqui di lavoro, nella gestione del cambiamento di carriera e nella crescita professionale continua. L’obiettivo principale di un consulente di carriera è aiutare gli individui a raggiungere il successo professionale.

Lascia un commento