Cena aziendale di Natale: come comportarsi, cosa dire, etichette

Foto dell'autore

Andrea Barbieri

 

Home > News feed > Lavorare nel settore > Cena aziendale di Natale: come comportarsi, cosa dire, etichette

Iniziamo dal perché si dovrebbe partecipare ad una cena aziendale di Natale, senza mettere banali scuse per evitarla a tutti i costi.

La cena di Natale aziendale offre un’opportunità per rafforzare i legami tra i colleghi in un contesto più rilassato e informale rispetto all’ambiente di lavoro quotidiano. Questo evento rappresenta un momento per celebrare i successi e i traguardi raggiunti durante l’anno, valorizzando il lavoro svolto e gli obiettivi raggiunti. Inoltre la cena di Natale può essere un’occasione per interagire con colleghi di altri reparti o livelli gerarchici, favorendo lo scambio di idee e la creazione di nuove relazioni professionali.

Detto questo, partecipare alla cena di Natale organizzata dall’azienda, può essere per alcuni un momento di ansia e dubbi sul comportamento da tenere e sulle etichette da considerare per evitare figure grossolane. In questo articolo cerchiamo di offrire una serie di spunti utili.

Cosa dire durante la cena di Natale aziendale

Questa sezione è per le persone più timide o introverse, in generale si tratta di spunti di conversazione per aiutare chi ha difficoltà di conversazione. Infatti in una cena di Natale aziendale rimane comunque fondamentale la partecipazione e il coinvolgimento, quindi di seguito offriamo qualche spunto che, per quanto banale, potrebbe essere di supporto a qualcuno.

Festività e Tradizioni

Parla delle tradizioni natalizie, sia personali che culturali. Chiedi ai colleghi delle loro tradizioni familiari o di come solitamente trascorrono le festività.

  • “Nella mia famiglia abbiamo la tradizione di preparare insieme i biscotti natalizi. E tu hai qualche tradizione speciale durante le feste?”
  • “Come trascorri il Natale? Preferisci un approccio tradizionale o ti piace fare qualcosa di diverso?”

Riflessioni sull’Anno Trascorso

Condividi i momenti salienti dell’anno, sia a livello professionale che personale. È anche un’occasione per discutere dei successi e delle sfide affrontate nell’anno.

  • “Quest’anno è stato davvero impegnativo, ma sono orgoglioso di come abbiamo gestito il progetto X. E tu, qual è stato il tuo momento clou dell’anno?”
  • “Ho imparato molto da quel nuovo corso di formazione. E tu, hai avuto delle esperienze formative quest’anno?”

Piani per le Vacanze

Chiedi ai colleghi dei loro piani per le vacanze. Questo può includere viaggi, progetti personali o semplicemente come intendono trascorrere il tempo libero.

  • “Sto pianificando un piccolo viaggio in montagna durante le vacanze. Hai già programmi per il periodo natalizio?”
  • “Non vedo l’ora di trascorrere del tempo con la famiglia. Tu come pensi di passare le vacanze?”

Interessi e Hobby

Parla di interessi o hobby che pratichi nel tempo libero. Questo può essere un ottimo modo per scoprire interessi comuni con i colleghi.

  • “Ultimamente ho iniziato a praticare yoga, mi aiuta a rilassarmi. E tu hai qualche hobby interessante?”
  • “Mi piace molto leggere romanzi storici. Hai qualche libro da consigliarmi?”

Cultura e Intrattenimento

Discuti di film, libri, spettacoli o eventi culturali recenti. Questo può essere un terreno neutro e piacevole per la maggior parte delle persone.

  • “Ho visto l’ultimo film di quel regista famoso, è stato fantastico! L’hai visto?”
  • “Ultimamente ho seguito una serie TV molto interessante. Stai guardando qualcosa di coinvolgente in questo periodo?”

Progetti Futuri

Se appropriato, puoi discutere dei progetti futuri in azienda. È importante, tuttavia, mantenere un tono leggero e non entrare troppo nei dettagli lavorativi.

  • “Sono entusiasta all’idea di lavorare sul nuovo progetto l’anno prossimo. Hai dei piani professionali che ti emozionano per il futuro?”
  • “L’anno prossimo vorrei partecipare a più conferenze. E tu, hai degli obiettivi professionali per l’anno che viene?”

Cibo e Bevande

Commenta positivamente il cibo e le bevande servite durante la cena. È un tema universale che può coinvolgere tutti.

  • “Questo piatto è delizioso, lo chef ha fatto un lavoro eccezionale. Che ne pensi?”
  • “Hai mai assaggiato un vino così? Mi piacerebbe conoscere il tuo parere.”

Attività e Eventi Aziendali

Ricorda eventi aziendali passati o parla di futuri eventi sociali previsti. Questo può aiutare a rafforzare il senso di comunità all’interno dell’azienda.

  • “L’ultima gita aziendale è stata davvero divertente. Pensi che dovremmo organizzarne un’altra presto?”
  • “Qual è stato il tuo evento aziendale preferito quest’anno?”

Etichette e 8 formalità da considerare

Durante una cena aziendale, specialmente in occasione del Natale, è importante seguire alcune etichette per garantire una serata piacevole e professionale. Alcuni punti non trattati in questa lista sono approfonditi a parte nell’articolo.

  1. Puntualità: arrivare all’orario stabilito è fondamentale. Essere in ritardo può essere visto come mancanza di rispetto.
  2. Saluti: inizia con un saluto formale, specialmente con i superiori o con chi non conosci bene. Man mano che la serata procede, puoi adottare un tono più informale se il contesto lo permette.
  3. Argomenti di conversazione: mantieni discorsi leggeri e positivi. Evita argomenti controversi come politica, religione o gossip aziendale. Ascolta attivamente e mostra interesse verso gli altri.
  4. Postura a tavola: mantieni una buona postura. Non appoggiarti al tavolo e non mettere i gomiti sopra.
  5. Uso delle posate: usa le posate correttamente. Inizia sempre dall’esterno per poi procedere verso l’interno per le portate successive.
  6. Consumo di alcol: se bevi alcolici, fallo con moderazione. Non è professionale apparire ubriachi in un contesto aziendale.
  7. Uso del cellulare: evita di usare il cellulare a tavola, a meno che non sia per una emergenza. È rispettoso dare attenzione alle persone presenti.
  8. Ringraziamenti: prima di andartene, ringrazia l’organizzatore o il tuo superiore per la serata.

Una cena aziendale è un’estensione del tuo ambiente di lavoro, quindi mantenere un comportamento professionale è chiave per fare una buona impressione

Come versirsi per la cena aziendale di Natale

Vestirsi per una cena aziendale di Natale richiede una certa attenzione, poiché è importante trovare il giusto equilibrio tra eleganza e rispetto del contesto lavorativo.

  • il codice di abbigliamento: se l’invito specifica un dress code, attieniti a quello. Se non è indicato, basati sul contesto aziendale.
  • optare per un look sobrio ma festivo: scegli abiti che riflettano lo spirito natalizio senza essere eccessivi. Colori come il rosso, il verde o toni metallici possono essere una buona scelta.
  • per l’abbigliamento femminile: un abito elegante ma non troppo vistoso, una gonna con una camicetta o un pantalone con una giacca possono essere scelte appropriate. Accessori discreti e un trucco non troppo carico completano l’outfit.
  • per l’abbigliamento maschile: una camicia con pantaloni eleganti o un completo sono generalmente accettabili. Una cravatta o un papillon possono aggiungere un tocco festivo.
  • scarpe: scegli scarpe pulite ed eleganti. Per l’abbigliamento femminile i tacchi sono una scelta comune, ma assicurati che siano comodi per una serata intera.
  • evitare abbigliamento troppo casual: jeans, t-shirt e scarpe sportive sono generalmente da evitare, a meno che non siano esplicitamente accettati dal dress code.
  • evitare abbigliamento troppo formale: a meno che la cena non sia un gala o un evento formale, un abito da sera o uno smoking potrebbero essere eccessivi.
  • aggiungere un tocco personale: un accessorio o un dettaglio che rifletta la tua personalità può rendere il tuo outfit unico, ma senza esagerare.

L’obiettivo è sentirsi a proprio agio pur rispettando il contesto professionale e l’occasione festiva.

Cena di Natale aziendale: quando e dove sedersi

Durante una cena aziendale, il momento e il luogo in cui sedersi possono dipendere da vari fattori, tra cui l’organizzazione dell’evento, il protocollo aziendale e le norme di etichetta.

Quando sedersi

  • Generalmente, gli ospiti dovrebbero aspettare che l’host o l’organizzatore dell’evento indichi quando è il momento di sedersi. Questo potrebbe avvenire dopo un aperitivo di benvenuto o un discorso introduttivo. È importante non sedersi troppo presto per evitare imbarazzo o confusione.

Dove sedersi

  • La disposizione dei posti a tavola può essere determinata dall’organigramma aziendale. In particolare, il tavolo centrale e/o quello più vicino a un eventuale palco dovrebbe essere riservato ai leader dell’azienda, alla proprietà e ai massimi dirigenti. Tuttavia, per gli altri tavoli, potrebbe essere lasciata la libera scelta ai commensali.In alcuni casi, potrebbe essere prevista una mappa dei posti a sedere, che indica dove ogni persona dovrebbe sedersi. Questa mappa può essere progettata tenendo conto delle esigenze degli ospiti e dell’obiettivo dell’evento.

  • Se non è prevista una disposizione specifica dei posti, è consigliabile scegliere un posto che faciliti la conversazione e l’interazione con gli altri partecipanti. Evita di sederti accanto a persone con cui lavori o interagisci regolarmente, per avere l’opportunità di conoscere meglio altri colleghi o clienti.

Cena al ristorante in azienda: galateo

Facciamo un breve ripasso del Galateo. L’etichetta a tavola prevede regole specifiche per l’uso di bicchieri e posate.

Per quanto riguarda i bicchieri, il galateo prevede l’uso di diversi tipi di bicchieri a seconda della bevanda. Il bicchiere per l’acqua è solitamente il più grande e viene posizionato a destra del piatto e sopra il coltello. I bicchieri per il vino, sia rosso che bianco, sono più piccoli e vengono posizionati alla destra del bicchiere dell’acqua. Se è previsto l’uso di un flûte per le bollicine, questo viene posizionato dietro ai bicchieri principali.

Per quanto riguarda le posate, il galateo prevede che queste vengano posizionate ai lati del piatto: i coltelli e i cucchiai a destra, con il filo del coltello rivolto verso il piatto, e le forchette a sinistra. Le posate vanno utilizzate in ordine, partendo da quelle più esterne e procedendo verso l’interno in base alle portate servite. Ad esempio, il coltello per il pesce sarà il più esterno, seguito da quello per la carne e infine quello per il dessert. Il cucchiaio va collocato a destra del coltello, con la concavità rivolta verso l’alto.

Le posate per il dessert, invece, si posizionano in alto rispetto al piatto, con il manico rivolto a seconda del tipo: a destra per i coltelli o i cucchiai, a sinistra per le forchette.

Distinguere forchette e coltelli

Forchette

  • Forchetta da pasto: è la forchetta principale, lunga circa 20 centimetri. È la più vicina al piatto (a sinistra) e si può usare anche per mangiare il pesce, se è assente la specifica forchetta.
  • Forchetta da pesce: ha i rebbi più corti e più larghi di una forchetta da pasto e, di solito, si trova più a sinistra di essa. Questo perché le portate di pesce vengono servite prima di quelle di carne.
  • Forchetta da dolce: è più piccola rispetto alla forchetta principale ed è posta orizzontalmente davanti al piatto, con il manico rivolto a sinistra. Ha le stesse dimensioni di quella da frutta ma ha solo tre rebbi invece dei quattro normali, la sua particolarità è avere il rebbio esterno di sinistra di forma allungata che serve da ‘coltello’ nel consumare i dolci.

Coltelli

  • Coltello da carne: nella mise en place è la posata, a destra, con i manici rivolti a destra ed è più vicina al piatto. Ha una forma più grande e si usa per tagliare la carne e tutti gli altri alimenti, ad eccezione del pesce, delle uova e delle verdure.
  • Coltello da pesce: il pesce viene sempre servito prima della carne e per questo motivo si trova a destra del coltello da carne. Ha una forma particolare, a spatola, che permette di togliere le lische.
  • Coltello da dessert: a tavola si trova sopra il piatto in posizione orizzontale, con la lama rivolta verso il piatto e il manico a destra. È più piccolo rispetto al coltello da carne.

Lascia un commento